Contenuto principale

Marketing territoriale

L’Italia tra due fari

 “L’Italia tra due fari” ; gemellaggio culturale tra il Lario ed il Salento (prov. di Lecce,Brindisi e Taranto) 15-17 maggio 2009. Il Comune di Salve partecipa all'evento finalizzato a valorizzare ed incentivare gli scambi culturali e turistici tra due aree incantevoli, situate agli estremi opposti del Bel Paese, ma legate da tanti motivi storici, architettonici e folkloristici. Per l'evento è stato realizzato un opuscolo dedicato al Salento dove compare Salve e le sue attrazioni.

Gli organizzatori sono: Associazione culturale Salento da Vivere, Accademia dei commerci e delle arti Santa Giuliana, La Curtesela, Pro Brunate. Con il patrocinio e la collaborazione di: Provincia di Como, Provincia di Lecce, Comune di Como, Comune di Brunate, Comune di Salve (LE), Ufficio scolastico provinciale di Como, Istituto comprensivo Como Lago-scuola primaria “Gabriele Giussani” di Brunate. Da un’idea del giornalista Pietro Berra, curatore della rassegna insieme ad Antonio Franceschello dell’associazione Salento da vivere.
 
PREMESSA GENERALE
Due terre così lontane e così diverse, il Lario e il Salento, eppure legate da tanti “fili rossi”. Sull'organo più antico della Puglia, quello seicentesco della chiesa Matrice di Salve, è inciso il nome del comasco Giovan Battista Olgiati, che lo fabbricò nel suo laboratorio di piazza San Fedele, si imbarcò a Genova per portarlo ad Alessandria d'Egitto, ma fece naufragio lungo la costa salentina dove fu tratto in salvo dai pescatori di Torre Pali. E lì rimase, con le sue 393 canne. Per non parlare di quel pezzo del mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto che Maria Corti, filologa e scrittrice che spesso unì nei suoi libri i due estremi d'Italia, si fece riprodurre nella casa di Pellio Intelvi, sulla vallata che si apre tra il Lario e il Ceresio. Fino alla recenti contaminazioni tra la pizzica salentina e le ballate del cantautore laghée Davide Van De Sfroos, che ha anche partecipato alla Notte della Taranta 2005. Ma vi è anche un altro punto in comune, che certo merita di essere evidenziato. Si tratta dei due fari: quello di San Maurizio, in cima alla collina di Brunate che sovrasta Como, e quello di Santa Maria di Leuca, al limite estremo del Tacco. Una suggestiva specularità apre e chiude lo Stivale, quasi a sottolinearne l'unità culturale, pur nelle mille differenze. A San Maurizio, faro celebrativo costruito a 910 metri di altitudine per omaggiare Alessandro Volta che a Brunate trascorse l'infanzia, si sale da una scalinata e, giunti in cima, lo sguardo spazia fin oltre il confine con la Confederazione elvetica. A Santa Maria di Leuca il faro è inaccessibile, zona militare che dipende dalla Marina di Taranto, perché
da lassù si tengono d'occhio i confini invisibili che separano l'Italia dai paesi del Mediterraneo. E scendendo una maestosa scalinata di ben 300 scalini si arriva al mare. Così lontani, eppure così vicini, il balcone delle Alpi punteggiato di ville liberty, “dove l'Italia è quasi Svizzera”, e Finibusterrae, di cui il grande poeta salentino Vittorio Bodini ha eternato le  “case di calce, regina arsa e concreta / di questi luoghi dove termini, / meschinamente, Italia, in poca rissa / d'acque ai piedi d'un faro”. Da tutte questa analogie nasce la volontà di rafforzare la partnership tra i due “capi” della nostra bella penisola, che parte dalla cultura e tocca gli aspetti economici, favorendo gli scambi tra lago e mare, ovvero i flussi turistici interni all' Italia, più che mai importanti in questa fase di crisi internazionale.

OMAGGIO A VOLTA NEL 210° ANNIVERSARIO DELLA PILA
La prima tappa del gemellaggio lariano salentino è una “tre giorni” che si terrà tra Como e Brunate a metà maggio del 2009 e il cui programma ruoterà attorno al faro di San Maurizio e al grande fisico cui è intitolato, Alessandro Volta, intendendo così celebrare anche il 210° anniversario dell'invenzione della pila. Un video, realizzato con la collaborazione dell'Ufficio scolastico provinciale e della scuola primaria “Gabriele Giussani”, ripercorrerà la storia del faro e l'infanzia di Volta a Brunate. Una mostra di fari italiani ed europei celebrerà indirettamente anche lo scienziato che con la sua invenzione ha dato il “la” alla diffusione della luce elettrica. Pure le location degli altri appuntamenti sono state scelte con l'intenzione di dare continuità all'omaggio voltiano durante tutte le iniziative: così la cena salentina e il primo concerto dei Tamburellisti di Torrepaduli si terranno (sabato 16 maggio) al Don Guanella, poiché all'"apostolo della carità" spetta il merito di aver proposto per primo la costruzione di un faro in memoria di Volta (lo fece nel 1899, primo centenario della pila e la sua idea fu realizzata nel 1927), mentre il mercatino di prodotti tipici del Salento e il secondo concerto si terranno nei pressi del Tempio Voltiano nella giornata di domenica 17 maggio. Infine, una visita guidata al faro voltiano suggellerà l'omaggio all'inventore della pila.

PROGRAMMA

Venerdì 15 maggio 2009,

dalle ore 16 alle 18.30
- Villa Gallia, sede della Provincia di Como, apertura manifestazione ed incontro tra Autorità salentine e comasche, convegno-workshop per amministratori e operatori turistici del lago di Como e del Salento. A seguire buffet offerto dall'associazione culturale Salento da Vivere

dalle ore 20.30
auditorium biblioteca di Brunate (in occasione dell'open day delle biblioteche lombarde promosso dalla Regione Lombardia) “L’Italia tra due fari”, analogie e differenze tra i due estremi della Penisola, e le ragioni di un gemellaggio culturale. A cura di Pietro Berra.

proiezione di un cortometraggio sul faro di San Maurizio e l'infanzia brunatese di Alessandro Volta, realizzato dai bambini della scuola primaria Gabriele Giussani di Brunate.

proiezione del film “Pizzicata” di Edoardo Winspeare, con Cosimo Cinieri, Chiara Torelli, Fabio Frascaro. Genere drammatico, colore 91 minuti. - Produzione Italia, Germania 1996.
Nel 1943, alla vigilia dello sbarco alleato nell'Italia del Sud, il pilota Tony Marciano (F. Frascaro) di un ricognitore USA, abbattuto dalla contraerea tedesca sopra il Salento, trova ricovero nella famiglia dell'agricoltore Carmine Pantaleo (C. Cinieri), riscopre le proprie radici, s'innamora di Cosima (C. Torelli), una delle tre figlie di Carmine, scatenando la gelosia del suo promesso sposo, il ricco Pasquale (P. Massafra). 1° lungometraggio del cosmopolita E. Winspeare (1965), nato e cresciuto a Depressa (Lecce). Tranne C. Cinieri, tutti interpreti non professionisti, scelti nel Salento; tutti i componenti del cast tecnico provenienti dalle scuole di cinema di Monaco, Roma, Parigi. Notevole per la capacità di costruire una storia di sentimenti fondata su un'attenta ricerca etnica e antropologica. Pizzicata - o pizzica tarantata - è un ballo paesano che mima l'amore tra uomo e donna, il duello col pugnale, il ritmo musicale convulso che porta in trance le donne morse dalla tarantola. Musiche di Jérôme Harley. Distribuito senza successo dall'Academy. 1° premio Cittadella-Fuji 1997 al Festival di Arezzo del cinema indipendente italiano. (da Il Morandini 2008)

Sabato 16 maggio 2009
Dalle 9 alle 19 – esposizione, degustazione ed offerta di prodotti salentini ai giardini a lago di Como
Dalle 15 alle 19 – letture di racconti sui fari per grandi e piccini alla biblioteca di Brunate
Ore 19.30 –  all'Istituto Don Guanella di via Grossi a Como, cena salentina
Ore 21.30 – nell'auditorium dell'Istituto Don Guanella, concerto dei tamburellisti di Torrepaduli (pizzica e canti della tradizione salentina)

Domenica 17 maggio 2009
- ore 11, inaugurazione della mostra “Le sentinelle di luce. Fari italiani ed europei” del fotografo umbro Paolo Vispi, nello spazio espositivo dell’hotel Paradiso sul lago di San Maurizio (Brunate) e visita guidata al faro voltiano
- dalle 9 alle 19 esposizione, degustazione ed offerta di prodotti salentini ai giardini a lago di Como
- ore 16, davanti al Tempio Voltiano (Como), musica e balli con i Tamburellisti di Torrepaduli (pizzica e canti della tradizione salentina)
- una pregevole opera dello scultore salentino Pantaleo Cretì, sarà esposta a Villa Gallia (sede dell'apertura dell'evento) e  successivamente nei luoghi ove si svolgerà la manifestazione.

SUL WEB: “L’Italia tra due fari: Brunate-Santa Maria di Leuca” è anche un gruppo su Facebook, con tante persone che stanno mettendo a disposizione immagini, storie e video sul lago di Como e sul Salento
Allegati:
Scarica questo file (Opuscolo Salento.pdf)Opuscolo Salento[ ]07/05/2009 19:00