Contenuto principale

Innovazione e Trasparenza

CAPSDA

Il progetto CAPSDA prevede la costituzione di una rete di Centri e Punti presso strutture esistenti, localizzate nel Sud Salento , nei quali il cittadino possa fruire in forma assistita (remotamente o tramite persone in loco) dei servizi on line della PA e di altri servizi digitali avanzati. 
CAPSDA intende massimizzare l'utilizzo dei servizi infrastrutturali, di e-government ed applicativi realizzati o in via di realizzazione nel territorio regionale: la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale (RUPAR), i progetti integrati (PIT e PIS), i progetti di e-government fase I (Apulie, Riso, Care) e quelli approvati a valere sul Bando Regionale misura 6.2 Società dell'Informazione: "Iniziative a sostegno del sistema delle Autonomie Locali" e "Iniziative a sostegno del sistema delle Imprese e delle Professioni". Il Ministro dell'Innovazione e le Tecnologie con le "Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell'Informazione nella legislatura", ha evidenziato il ruolo centrale delle tecnologie ICT per lo sviluppo dell'innovazione al servizio del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo dell'economia e della società; ed ha indicato che due strategie si evidenziavano fondamentali per la realizzazione di questo obiettivo:
il sostegno e la promozione dell'innovazione
la realizzazione in questo contesto di una Società dell'Informazione per tutti

Il Centro di accesso, una specie di palestra di educazione telematica, a disposizione dei cittadini, dove è possibile usufruire di strumenti, di supporto e di collegamenti telematici veloci

Il primo degli obiettivi perseguiti dal progetto CAPSDA è costituito dalla possibilità per i cittadini di usufruire dei servizi della Pubblica Amministrazione tramite strumenti tecnologici avanzati, che integrino l'attuale offerta costituita da uffici e sportelli tramite la costituzione di Punti di accesso

L'altra finalità, maggiormente collegata alla creazione di Centri per il cittadino e per l'impresa, è lo sviluppo di una cultura dell'informazione che consenta di innalzare il grado complessivo di alfabetizzazione informatica del Paese e di appianare le differenze tra chi possiede le competenze necessarie per il proficuo utilizzo delle nuove tecnologie e chi ne è sprovvisto

Sulla base dell'analisi del contesto e dell'analisi di esigenze rilevate sul campo, si è scelto di suddividere i 15 Centri di accesso in 3 tipologie:
La prima, denominata Studio & Ufficio (S&U), risulta essere rivolta verso gli studenti ed i professionisti ed è incentrata quindi all'utilizzo ed alla fornitura di supporto all'utilizzo di pacchetti di Office Automation, di grafica e di creazione siti WEB. I comuni di questa tipologia sono: Andrano, Cutrofiano, Diso, Gallipoli, Muro Leccese, Otranto, Parabita, Salve, Specchia, Taurisano, Ugento;
La seconda tipologia, denominata Imprese (I), si rivolge principalmente alle imprese e prevede servizi di collegamento a banche dati, di supporto alla problematica della privacy in azienda e di Video Conferenza. I comuni di questa tipologia sono: Castrano, Maglie, Poggiardo, Tricase;
La terza, Architettura e Design (A&D), si rivolge ad un pubblico di professionisti operanti nel campo del disegno architetturale o industriale e prevede servizi di utilizzo di SW CAD e di Stampa su plotter. I comuni di questa tipologia sono: Tricase, Maglie, Ugento.

Le attrezzature per diversamente abili, invece, saranno presenti tutti i Centri. In dettaglio, sono stati individuati come Centri che disporranno di una stazione di lavoro con controllo motorio i Centri di: Cutrofiano, Maglie, Taurisano, Specchia. Mentre tutti i centri rimanenti disporranno di una stazione per non vedenti